Pubblicato in: Uncategorized

Domenica in Biblioteca.


Domenica 13 ottobre 2019 apertura straordinaria al pubblico degli archivi e delle biblioteche statali.

Beni Culturali

Fontana dei libri

Fontana dei libri

  • Biblioteca Angelica

Piazza di S. Agostino, 8, 00186 Roma RM

Siamo accolti dalla dottoressa Simonetta Bonito che ci invita nella suo meraviglioso ufficio e ci mostra uno dei testi antichi della Cabala che venivano identificati con un simbolo per essere inseriti tra quelli proibiti ai tempi della controriforma.

Cabala

Cabala

La biblioteca Angelica ha un patrimonio piuttosto articolato, infatti ci sono circa 2700 manoscritti Latini Greci e Orientali.

La biblioteca rappresenta un patrimonio librario soprattutto per chi ha voglia di conoscere il pensiero di San Agostino e del suo ordine nonché della riforma protestante e della contro riforma cattolica.

Cornucopia

Cornucopia

  • Biblioteca Casanatese

    Via di S. Ignazio, 52, 00186 Roma RM

La ricchezza dell ingente patrionio bibliografico e la preziosità dei beni architettonici, iconongrafieci e artistici sono accresciuti dal turismo delle città di Roma e un importante punto di riferimento per la conservazione e la fruizione di manoscritti, iacunaboli, opere teatrali e husicali, incisioni e fondi documentali.

Salone Monumentale

Salone Monumentale

L’Editto pontifici datato 23 settembre del 1826 si inserisce all’indomani del riconoscimento di forme di tutela per le opere dell’ingegno e cristallizza una somma di principi che rende la tutela della proprietà letteraria ed artistica “una condizione di necessità per promuovere l’incremento degli studi e del sapere.

Sala biblioteca casanatese

Sala biblioteca casanatese

Alla presentazione la Direttrice Lucia Marchi presenta le spezie e il tè.

La biblioteca ospita 60.000 libri.

In questa biblioteca sono nascosto libri proibiti.

  • Biblioteca Valliceliana

    La prima raccolta libraria è costituita dalle opere possedute da Filippo Neri, passate nel patrimonio della Congregazione alla sua morte, nel 1595.
    La Biblioteca Vallicelliana è già documentata nel 1581 grazie al lascito testamentario di Achille Stazio (Aquiles Estaço) a favore di Filippo Neri e della Congregazione dell’Oratorio: 1700 volumi a stampa e 300 manoscritti.

Pubblicato in: Uncategorized

Anniversario Etrusco


Dopo aver trascorso 20 insieme. della nostra vita decidiamo di festeggiare il nostro anniversario in un rigenerante tuffo nella storia presso le terme Etrusche Calidarioì.

Terme Calidario

Terme Calidario

Siamo partiti questa mattina da Roma direzione Populonia, Unico sito etrusco situato di fronte al mare.

Golfo di Baratti
Golfo di Baratti

Populonia è una antichissima e importantissima città etrusca situata in cima ad una collina circondata dal mare, l’antico abitato si trova su uno dei promontorio che formano il Golfo di Baratti.Cosa vedere a Populonia ?

  • La Rocca costruita nella prima metà del 1400 e al suo interno racchiude vicoli lastricati reperti etruschi e Romani.
Rocca di Populonia
Rocca di Populonia
  • Nel Borgo sono visibili edifici di epoca romana e le mura medievali costruite per la difesa dei pirati.
Borgo di Populonia
Borgo di Populonia
  • In questa zona si possono visitare alcune delle necropoli che facevano riferimento alla città.
Zona archeologica etrusca
Zona archeologica etrusca

Successivamente ci siamo diretti alle Terme.Il Calidario si presenta come un hotel in pietra in stile toscano con spa termale ristorante e hotel.Dista solo 10 km da parco archeologico di Baratti e Populonia.Oltre alla sorgente storica Calidario terme propone Thermarium: una moderna spa in Toscana, un ambiente suggestivo con sauna bagnoturco docce sensoriali piscina con idromassaggio area relax tisaneria trattamenti e massaggi.

Sorgente naturale
Sorgente naturale

La storica sorgente naturale è uno specchio d’acqua di circa 3000 mq.Naturalmente alimentato da più sorgenti che sgorgano alla temperatura costante di 36 gradi direttamente dal fondo del lago garantendo un ricambio costante e naturale dell’acqua.

Pubblicato in: Uncategorized

Diga di Pescegallo


Ne ho fatti di km per raggiungere le dighe ma questa batte tutti.

Lavoro come tecnico in Enel e oggi mi sono recato presso questo impianto Diga di Pescegaĺlo per un sopralluogo.

Premetto che l’unico mezzo per raggiungere la diga e la jeep e di quelle alte.

La diga si trova sul versante dei Monti Valletto (m. 2370) e Ponteranica (m. 2378).

Diga di Pescegallo

Diga di Pescegallo

Sono partito da Morbegno prendendo la statale 405 della Val Gerola.

La strada termina in un ampio parcheggio asfaltato accanto alla stazione a valle della seggiovia.

Poi inizia il vero fuori strada.

Praticamente il nulla il tempo non è dei migliori non si vede nulla.

Inizialmente è come stare sulle montagne russe ci vuole sangue freddo e nessuna distrazione.

Dopo 20 minuti di marce e 4×4 si arriva in vetta.

Perché l’hanno chiamato Pescegaĺlo?

Il suo nome non ricorda certo un mitologico animale da deriva dal dialetto “pesc” che significa “abete” e dal gallo cedrone che si ciba degli aghi di questo albero.
In origine era un lago naturale. La costruzione della diga, avvenuta nei primi anni del secondo dopoguerra.

Pubblicato in: Uncategorized

Una giornata al Lago di Fiastra


Piacevole giornata in compagnie con quello che su Whatsapp è chiamato ” San Egidio gruppo vacanze ”

Partiamo dell’appuntamento alle 7 presso la stazione di Piceno sulla a 14.

Tutti puntuali si fa tappa al lago di fiastra.

Arrivati a questo posto chiamato la Sardegna delle Marche abbiamo avuto qualche problema logistico per dove accamparci.

lago di fiastra
lago di fiastra

Una volta accampati con tutte le borse tavolini cocomero 20 kg immerso nelle acque per tenerlo fresco ci siamo buttati tutti in acqua con il sup che era diventata il set fotografico del gruppo vacanze.

Dopo aver spazzolato quasi tutte le risorse aure,per farci perdonare dell’eccessivo rumore che facevamo abbiamo distribuito a tutto il vicinato diverse fette di cocomero.

Dopo la digestione a delle 15 propongo la camminata per vedere le Lame Rosse che distano dalla diga 1 ora e 15 minuti di cammino.

Arriviamo fino alla diga con la macchina.

Diga Enel di Fiastra
Diga Enel di Fiastra

Una prova di forza eccessiva la temperatura è talmente alta che quanto si passa al sole è veramente dura.

Ci facciamo coraggio con le persone che incontriamo che ci assicurano che ne vale la pena assistere a questa meraviglia monumentale che la natura a scolpito.

L’ultimo tratto e veramente duro sembra una pista di sci in salita fatta di ghiaia si fa veramente fatica salirla ma poi lascio le immagini sotto per la bellezza che ci si presenta davanti ai nostri occhi.

Lame rosse
Lame rosse
Lame rosse 1
Lame rosse 1
Lame rosse 2
Lame rosse 2

Pubblicato in: travel, Viaggi

Diario di Bordo Udine e Palmanova


Dopo aver attraversato gran parte della Croazia facciamo il giro di boa chiudendo con la città di Udine.

arthotel è il nostro albergo dista pochi km dal centro della città.

Dopo una rapida consultazione su Google per individividuare un buon risrorante, la nostra scelta cade sulla trattoria alla tessitura

Perché ho scelto Udine?

È una delle città Italiane che non avevo mai visitato.

Città di librerie e osterie, dal nome misterioso e dai tanti volti, Udine è, per così dire, città di campagna, insieme popolare e raffinata, conviviale e colta.Capitale medievale Patria del Friuli, la sua storia più antica si confonde con la leggenda che vuole Attila artefice del colle del castello che ancora domina il centro storico. La visita culturale può iniziare proprio dai Musei del castello e proseguire poi nel centro cittadino.

Piazza della libertà

Piazza della libertà

Un suggestivo percorso tra i vicoli medioevali e pittoresche logge conduce a piazza matteotti.

Logge di Udine

Logge di Udine

La città è piena di giovani che popolano le osterie,quindi la mia curiosità nel visitare questa città è stata ampiamente appagata.

Udine

Udine

PALMANOVA LA STELLA PERFETTA

Palmanova, candidata a diventare un sito tutelato dall’UNESCO, città fortezza progettata e costruita dalla Serenissima Repubblica di Venezia per difendere i confini regionali dalle minacce straniere.

Capolavoro di architettura militare e modello di città ideale rinascimentale. Unica nel suo genere, ha la forma stella centrale a nove punte su cui convergono le 6 vie delineate da statue verso la piazza e difese dalle sue 6 porte.

Palmanova
Palmanova
Pubblicato in: travel

Diario di Bordo Pola Rovigno fino a Capodistria


Da sibanico ci dirigiamo verso Pola passando nell’entroterra Croato che è bello come la costa. Ci sino dei punti che sembra di stare in California paesaggi tra fireste e montagbe con la stessa struttura di quando siamo andati alla Dead Walley dopo aver macinato ben 400 km al nostro arrivo ci tuffiamo diettamente in mare a Verudela beach dove l’acqua é cosi cristallina che non serve la maschera i fondali meravigliosi si vedono anche ad occhi nudi.

Verudela beach

Verudela beach

Dopo aver passato alcune ore a fare i tuffi ci dirigiamo nel nostro apartament Monet molto grazioso situato poco fuori il centro.

Da vedere a Pola sono

L'arco dei Sergi

L’arco dei SergiL’arco venne eretto a “proprie spese” da Salvia Postuma (il riferimento alla committente si trova nell’iscrizione dedicatoria, con la specifica de sua pecunia), per commemorare il marito Lucio Sergio Lepido, tribuno della legione XXIX, che aveva partecipato alla battaglia di Azio ed era stata in seguito soppressa nel 27 a.C., e insieme a lui il padre, omonimo, e il fratello Gaio.

L’altra attrazione archeologica è l’anfiteatro Romano.

E’ l’unico anfiteatro romano a tre ordini, in tutto il mondo antico, che abbia conservato integro il suo mantello esterno; infatti né il Colosseo né l’Arena di Verona sono ancora in possesso del loro perimetro esterno. E’ anche l’unico che abbia quattro torri scalarie, sporgenti da essa al centro di ogni quadrante. Atmosfera molto suggestiva di sera e bellissimo lo sfondo creato dal mare

Da non parere consiglio vivamente

Rovigno

Rovigno
Rovigno

Bellissima cittadina con un centro storico molto caratteristico. Da una parte del promontorio ci sono degli scogli accessibili con percorsi e scalette da cui è possibile tuffarsi nel mare blu del’Istria.
Bellissima la chiesa sul promontorio di Rovigno, da dove si gode anche di uno stupendo panorama.

L’altro gioiello da non perdere è Parenzo non distante da Rovigno.

Parenzo
Parenzo

Conosciuta per la sua frequentazione di delfini al mattino presto e la sera sul tardi quando ci sono poche barche in mare un piccolo gioiello dell’Istria da visitare la Basilica bizantina.

Ultima tappa Capodistria ma non abbiamo speso molto tempo perché non ha particolari cose da vedere a parte la piazza di Tito.

Pubblicato in: Uncategorized

100 anni di Fausto Coppi


Storia di un campione

3574 km, 107 ore, 31 minuti, 10 secondi. Questi numeri del primo Giro d’Italia di Fausto Coppi il solo ciclista a trionfare a quell’età, diventando subito un mito. Correva l’anno 1940, Coppi era gregario del due volte vincitore Gino Bartali, per 700 lire al mese. Avrebbe dovuto limitarsi ad aiutarlo, ma presto è lui davanti a tutti. La tappa decisiva è l’undicesima, piove e grandi piani sulla gelida strada per l’Abetone, ma lui attacca lo stesso e si sfila dai concorrenti fino ad arrivare a Modena, la colomba indossa la sua prima maglia Airone, nessuno , all’epoca, sapere che nome griglia per accla- rosa. Implacabile e armonioso, capace di volare via come marlo, ma presto l’avrei imparato tutti. Quattro sono le tappe piemontesi del 102. Giro d’Iltalia: prima due tappe nel ricordo del passato (22 maggio Novi Ligure e Cuneo-Pinerolo), poi, sfiorando la Val di Susa, i ciclisti valicano il Col del Lys e, attraversando le Valli di Lanzo, giungono in Valle Orco, per poi salire a oltre 2200 metri di auota fino a Ceresole Reale; infine, da Ivrea, attraverso il Biellese Vercellese e Novarese la carovana lascia il Piemonte verso Como.

Maglia di Fausto Coppi
Maglia di Fausto Coppi

La storia di un uomo nella storia di un campione, di una persona gentile e riservata diventata già in vita, al di là delle intenzioni, una leggenda. Un uomo sempre in fuga che riassume in sé la storia di quel lembo di torta sud-orientale che lo ha forgiato, di cui portava in giro per il mondo silenzioso, tenacia, fatiche, asprezze e dolcezze. Un recital di parole e musica che vuole ristabilire al tempo presente la figura di Fausto Coppi. Non un ricordo, ma un racconto che si avvale anche delle pagine di chi ha ammirato e cantato le sue imprese, da Dino Buzzati a Vasco Pratolini, da Orio e Guido Vergani ASE a Curzio Malaparte. Un racconto di vittorie e tragedie, di cadute e trionfi che mette in fila le prime pedalate vieni garzone di macedonia e la prima corsa, la prima vittoria al Giro d’Italia e la prima doppietta Giro d’Italia-Tour de France, la fuga più lunga ei grandi distacchi con cui arrivavano al traguardo gli avversari. E poi il rapporto inscindibile con Gino Bar- tali. E l’Italia di quegli anni. E il suo essere tutt’uno con la bicicletta, come Paganini era tutt’uno con il suo violino. E naturalmente l’amore. E naturalmente la morte, che consegna al mito questo uomo in fuga, con la maglia biancoceleste addosso: il suo nome è Fausto Coppi.

Mostra Fausto Coppi
Mostra Fausto Coppi

Pubblicato in: Viaggi

Museo di bordo


Tutti sappiamo quanto Gabriele d’Annunzio volesse apparire sempre, elegante, in forma. Per questo detestava “l’odiosa vecchiezza”, che anno dopo gli toglieva, insieme alla forza, grazia e bellezza.

l'odiosa vecchiezzal’odiosa vecchiezza

Al Vittoriale, rispettano sempre la sua legittima vanità, e semper cerchiamo di vederlo come sempre, visto e visto. Può sembrare dunque strano che ospitiamo qui, nella Nava Puglia,

Nava PugliaNava Puglia

la vita di Cesare Inzerillo che mostra il Vate – il Comandante, il Poeta ben oltre l’orribile vecchiezza, già nel disfacimento della morte. Ma è l’omaggio di un artista in un altro artista, in un altro caso: Inzerillo sembra avere letto quella lettera, inedita, di Gabriele a Luisa Bacara: “Non sono nella verità vecchiezza, ma sì nella putrefazione sepol crale. ” Nelle proprie sculture Inzerillo esplora la morte, vieni d Annunzo. Pha esplorata in molte delle sue opere. Ma per lui l’idea della morte non è sinonimo di infelicità o di dispersione. Ha più timore della malattia e della vecchiaia, quando le condizioni del corpo non sono più di vivere gli slanci della giovinezza. Nelle lettere all’ultima amante, la contes sa Evelina Scapinelli si capisce che la morte cominciava a sembrare un necessario rito di passaggio da quel brutto volto rugcso alla serenità del suo volto quando viene accolto in cielo da San Francesco, nel quadro di Cadorin posto sulla sua culla-bara nella Stanza del Lebbro una liberazione, quindi, colomba Gabriele andava a meditare sull’Oltre. E proprio in quel passaggio che coglie Inzerillo, senza acredinc né compérie, registrando l’ultimo disfacimento del corpo proprio come pasaggio indispensabile.

Aereo che sorvoló ViennaAereo che sorvoló Vienna
Il Vittoriale degli Italiani è un complesso di edifici, vie, piazze, un teatro all’aperto, giardini e corsi d’acqua eretto dal 1921, a Gardone Riviera sulle rive del lago di Garda da Gabriele d’Annunzio con l’aiuto dell’architetto Gian Carlo Maroni, a memoria della “vita inimitabile” del poeta-soldato e delle imprese degli italiani durante la Prima Guerra Mondiale.

Mas 96Mas 96
Il Vittoriale oggi è una fondazione aperta al pubblico e visitata ogni anno da circa 180.000 persone.
1° febbraio 1921 – D’Annunzio affitta per 600 lire mensili e per il termine di un anno la villa di Cargnacco (contrada di Gardone Riviera) appartenuta a Henry Thode, l’illustre studioso d’arte che in prime nozze aveva sposato Daniela Senta von Bülow, figlia di Cosima Liszt. La villa era stata sequestrata dal Governo italiano come risarcimento dei danni di guerra.

Vittoriale degli italiani Vittoriale degli italiani

Ama il tuo sogno se pur ti tormenta
Amalo come se fosse l’unico
amalo come se avesse l’anima
amalo e raccontagli di te
amalo e ricordalo in te
amane il suo passato
amane il suo presente
ora.

#saló
#saló

Pubblicato in: Uncategorized

“Un popolo non può andare al proprio lavoro senza vedere la storia del suo passato”


ho modificato il titolo con la frase presa dall’articolo Itinerario Napoleonico

“Un popolo non può guardare al proprio futuro senza aver sempre ben presenti le proprie origini ed il proprio passato “

Oggi mentre andavamo al lavoro ,siamo passati davanti ad un cartello: Itinerario Napoleonico Rocca D’arazzo, nell’attesa che il nostro impianto venisse aperto, incuriositi dove potesse essere questo posto, ad intuito passiamo sotto il ponte della strada provinciale 12 Rocca Cigliè.

Rocca d’Arrazzo

Fatti 100 metri ecco il simbolo della piramide di Napoleone Buonaparte .

L’itinerario è il numero 9 nella mappa

Itinerario Napoleonico

il 19 aprile si ebbe il combattimento della Corsaglia. Joubert, per essere d’esempio, si gettò nel Tanaro e riuscì a raggiungere la sponda opposta sotto mitragliamenti e fucilate terrificanti. Ma vedendo che nessuno lo seguiva e d’altra parte che la scarpata gli avrebbe impedito di risalire, se ci fosse stata altra gente, ripassò una seconda volta il Tanaro esponendosi di nuovo al medesimo pericolo, per raggiungere la colonna; al suo ritorno disse con freddezza ai granatieri: “Si avete ragione, non si può passare”. Così il Martinel commentava la tavola rappresentante uno degli apici dell’eroismo francese.

Piramide Napoleonica

Capita spesso di passare a 100 metri da un passaggio della nostra storia e non ce ne accorgiamo.

Presa della Diga Rocca Ciglè
Pubblicato in: Uncategorized

La memoria delle Alpi


Cartignano fu uno il movimento partigiano della valle Maira

Cartignano
Cartignano

nei giorni successivi all’8 settembre del 43 L’osteria dei fratelli Acchiardo vede riunirsi uomini che prima si aggregheranno alla “Banda Carboni” e più tardi confluiranno in larga misura nel movimento Giustizia e Libertà. Posto nella parte più stretta della bassa Maira, il paese era punto di incrocio dei percorsi partigiani che mettevano in comunicazione, a quote non troppo elevate, le valli poste tra Saluzzese e Cuneese.

Chiesa Cartignano
Chiesa Cartignano

Salendo in direzione della borgata Galliana si raggiungevano infatti le postazioni garibaldine di Norat e S. Anna di Roccabruna e di li la Varaita, mentre sul versante destro, passando per Ruata Prato o Piossasco si conquistava il crinale della valle Grana, sopra Monterosso e Pradleves. Proprio per la sua posizione geografica, dominante sul fondovalle e sull’incrocio tra Maira e Grana, la borgata “Santa Margherita” (m. 1326 s.l.m.) fu scelta come quartier generale dalle formazioni GL della valle, guidate da Detto Dalmastro In quel nido d’aquila cos sicuro trovarono rifugio ed ospitalità partigiani di ogni colore e provenienza, che vi approdavano temporaneamente per riprendersi dai rastrellamenti nelle loro zone di insediamento. dei luoghi in cui ebbe origine.

scultore in legno
scultore in legno

Più in basso, a Paglieres, in seguito agli accordi di Barcelonnette, si installa l’ufficiale di collegamento francese Jean Lippmann (Lorrain) e collabora attivamente con la Resistenza locale fino a giugno inoltrato quando, tornato in Francia per un’azione vi troverà la morter Cartignano fu uno dei centri logistici principali della “Repubbliça della Valle Maira” e trovò pressoché totale distruzione nell’offensiva nazifascista del luglio 1944, che a quell’esperienza pose fine. La distruzione di oltre cento case, fienili, stalle, costrinse la popolazione ad una drammatica ricerca di aiuti e ne rese problematica la sopravvivenza nel seguente, durissimo inverno, senza che per questo venisse meno il suo sostegno alla Resistenza.